Pagine

lunedì 17 ottobre 2011

il 'savor'



Vi ricordate i 20 kg di mosto d'uva ancellotta che transitavano nel mio frigo la settimana scorsa?
Beh la loro sorte è stata questa:  il 'Savor',o Sapore,e già il nome la dice lunga....Questa composta di frutta ha un origine antica (ma tòh) e umile, infatti era il modo di utilizzare la frutta più semplice come mele,pere, zucca, cotogne ,e farla bollire nel mosto che l'arricchiva,conferendogli un sapore intenso e unico...La nota finale profumatissima è data dalle scorze d'arancio e qualche noce tritata grossolanamente,che crocca sorprendendoti sotto i denti!


Savor:

occorrono:
10 kg di mosto d'uva dolce
2,5 kg di mele pulite
2,5 kg di pere pulite
n° 2 mele cotogne pulite
3   kg di zucca pulita(possibilmente di qualità dolce tipo mantovana)
300 gr di scorze d'arancio a fettone larghe 1.5 cm
150 gr di barbabietola da zucchero
una manciata di gherigli di noce tritati grossolanamente(solo alla fine)
tanta pazienza

Versare in un pentolone o una caldaia da marmellata il mosto d'uva e metterlo sul fuoco,per portarlo ad ebollizione;
Nel frattempo tagliare a pezzettoni  tutta la frutta più o meno a dadoni di 2x2cm massimo,la più insolente è la zucca (e quì che si inizia ad usare la pazienza..)
Appena avrete finito di tagliare la frutta e il mosto starà bollendo gettatevi tutto e date una mescolata.
Proseguite come per una marmellata mescolando ogni tanto per non fare attaccare il fondo.
Ci vorranno parecchie ore,in queste proporzioni io c'ho messo 8 ore(e quindi  finchè non è diventata densa e cremosa),ma riducendo le quantità sicuramente ne servirà meno...
Alla fine buttatevi dentro anche i gherigli di noce,mescolate e invasettate a caldo*.




E' fantastico sul pane tostato,un sapore decisamente unico!!!
Ma è un ottimo accompagnamento con i formaggi erborinati,o una semplicissima ricottina fresca...


A mio parere è uno di quei gusti che sanno di storia, 
quasi dimenticati!

Buon lunedì
MARIKA


*Se capovolgete i vasetti caldi e lasciate raffreddare, dovrebbero andar sotto vuoto,verificate il clac sulla capsula...altrimenti sterilizzate in acqua bollente 20 min.


18 commenti:

  1. una sorte impeccabile... deve avere un profumo ed un gusto spettacolare

    RispondiElimina
  2. E anche per questo post una bella dose di nostalgia. Anche questo è un dolce che farebbe emozionare la mia mamma! Ho avuto modo di assaggiarlo in una delle nostre visite ai parenti e so quanto sia buono!!!!
    Complimenti Marika, la tua dispensa è un vero paradiso per buongustai!
    ciao
    Franca

    RispondiElimina
  3. L'adoroooooo! Anche noi lo facciamo (anche se lo chiamiamo Saba o Savoret!) E' una cosa meravigliosa... soprattutto con le piadine! Provalo! E poi dura, anche aperto, un'infinità di tempo, insomma una roba moltoooo emiliana!
    Buon appetito!

    RispondiElimina
  4. ma sai che qui a Trieste il savor è un condimento di aceto e cipolla con cui condire e insaporire i pesci fritti? Questa versione così profumata non la conoscevo, grazie per avermi fatto scoprire un'aòtra tradizione della nostra bellissima Italia

    RispondiElimina
  5. Mia cara, non sarebbe affatto male avere questa composta da spalmare sul pane domattina :) Invece dovrò accontentarmi dei biscotti comprati a Novara ad un incontro di Foodies (e tutto sommato, non è affatto male, ma quanto sarebbero buoni spalmati di questa tua creazione?!)

    A presto
    Mari

    RispondiElimina
  6. Buona sei una lavoratrice ... un abbraccio!!

    RispondiElimina
  7. Immagino il profumo....mmmmhhhhh....deve essee squisito!!!
    ciao
    Erica

    RispondiElimina
  8. Deve essere una squisitezza! Non ne avevo mai sentito parlare. Grazie di avercelo fatto scoprire cara Marika.
    Silvia

    RispondiElimina
  9. Mai provato....sembra delizioso!
    Passa da me per una fetta di torta di mele ;)
    Eh eh eh ! Si vede che è arrivato il freddo e ci saimo dati ai dolci !

    Mariuccia

    RispondiElimina
  10. Marika , mamma che brava che sei !!
    ma dove lo trovi il tempo ??
    ti ammiro molto ...
    p.s. deve essere veramente delizioso !!

    un bacione e buona settimana :)
    http://memyselfandanautumnday.blogspot.com

    RispondiElimina
  11. Non la conoscevo, così come non conoscevo la blla pentola di ghisa del post precedente...Grazie delle dritte

    RispondiElimina
  12. Amo molto il tuo modo di descrivere ;)
    Buona settimana anche a te, e un bacio!

    RispondiElimina
  13. Com'è che da Emiliana doc non conoscevo questa leccornia? Trascriverò la ricetta, il più è trovare il tempo per farla!!!Grazie del messaggio da me...e un bacino al tuo piccolo!! Un abbraccio, Anna.

    RispondiElimina
  14. hai ragione,negli ingredienti mancano un po' di cose.... cmq la cremina viene fuori con il succo di limone...

    RispondiElimina
  15. Quanto mi piacerebbe provarla... per me trovare il mosto è dura... purtroppo! Un caro abbraccio

    RispondiElimina
  16. Marica grazie del commento e del suggerimento!
    ps scusa se scrivo qua non ho trovato la tua mail...
    Silvia

    RispondiElimina

your kindly words: