Pagine

mercoledì 13 giugno 2012

Due 'spaghi vintage'


Dunque, resoconto delle ultime giornate:

Stiamo cercando di fare finta di nulla...
e sembriamo anche bravini, vi dirò!
In casa stiamo iniziando il countdown vero e proprio...
fra qualche giorno si dà l'addio alla nostra mansardina campagnola!
Tornata dal lavoro quindi sto continuando 
inesorabilmente a impacchettare delle cose;
In casa è tutto molto spoglio e con un'identità confusa, in attesa.
Ma vi confesso che continuiamo a starci l'indispensabile,
sempre sul piede pronto all'uscio.


Il tipo di cucina di conseguenza ultimamente è very easy 
dettata da mancanza di tempo e attrezzature (già inscatolate),
e spesso da una moltitudine di commensali da mettere a tavola,
visto che stiamo cercando di condividere il brutto e il bello...
Proprio una delle ultime amiche di tavolata 
vedendo la confezione di spaghetti quì sopra ha esordito:
"MA SONO VINTAGE!!!!"
Allora l'ho rassicurata sulla scadenza, 
e che di retrò c'era giusto l'immagine!!

Quando trovo queste confezioni nel far la spesa non resisto!


I miei spaghetti al pomodoro sono davvero basic
spicchietto d'aglio e pomodori pelati appena schiacciati,
 rosolati un un filo di olio extravergine.
Spaghetti rigorosamente al dente,
e basilico per guarnire...
L'ingrediente segreto per un gusto in più?
 Tanti amici a tavola in compagnia!

Ma a proposito di classici...aspetto di sentire la vostra ricetta per il piatto italiano per eccellenza...
della serie "spaghetti e mandolino"
 ;-p

A bientot,
Marika

martedì 5 giugno 2012

cercare una nuova pagina

Vi confesso che la grinta  e la carica per scrivere le sono andata a pescare non so bene dove...
Non è facile parlare di qualcosa di cui già si parla tanto, informazioni che già la maggioranza conosce.
Si può raccontare solo di stati d'animo o di sensazioni...

Sono giorni incomprensibili, in cui la senzazione dominante
 è quella che il tempo e la dinamica delle giornate passi da 
un' accelerata brusca ad un rallentamento forzato...
come una giostra che parte e si ferma, senza darti la possibilità di scendere...


Ma credo che ora come ora la necessità primaria sia entrare nell'ordine di idee che, se non è possibile fermare il meccanismo, perchè è più grande di noi, bisogna sforzarzi di stare alle regole del gioco,
e far andare avanti la vita giorno per giorno con quanta più normalità è possibile;


E' un nostro dovere morale, sopratutto nei confronti dei nostri bimbi, 
che hanno diritto di inziare una nuova estate della loro infanzia,
di trascorrere le giornate più spensieratamente possibile,
 senza trovarsi perennemente davanti a Tg scioccanti  e conversazioni esasperate!

Semplicemente CERCARE di voltare pagina, 
soprattutto se pur essendo coinvolti da vicino, abbiamo ancora la salute,  un tetto e un lavoro.

Lo so, continueremo a sobbalzare e la paura ci entrerà negli occhi ancora tutte le volte finchè la terra  non smetterà di sobbalzare, ma come ormai dico ogni giorno a me stessa e chi mi sta vicino:

the show must go on !!!