Pagine

mercoledì 5 giugno 2013

Mini Carrot Cakes


    12°C!!! 
Non so se avete capito bene o fatto caso alla data di oggi, 
ma ripeto 12 °C il  5 di giugno è addirittura troppo,soprattutto considerando che ieri pomeriggio avrei potuto tranquillamente portare a spasso il cane in infradito!
Che poi non si dica che parlare del meteo è retorica, perchè ormai l'argomento weather ,che una volta era rinomato primato inglese, da noi ormai spopola, fa scoop, gossip...allo sfinimento...
e gli spennacchiati  gradi di oggi non fanno che alimemtare.

Se pensavate che le carote di questi muffin (tratti da  La Patisserie Maison di Marlette)
 mirassero a contribuire alla tintarella estiva, devo deludervi purtroppo,
ma potrebbero però farvi risparmiare soldini  rimandando prove costumi o lo shopping del beach wear...
tanto per ora come si fa a  pensare alla spiaggia?

Mini Carrot Cake
Per 12 Muffin:
140 g olio di girasole
160 g composta di mele
4 uova
320 g zucchero di canna tipo demerara(non riesco a trovare il rapadura indicato da Marlette)
3 cucchiaini vaniglia in polvere
2 cucchiaini bicarbonato
2 cucchiaini lievito per dolci
1/2 cucchiaino di sale
un cucchiaino cannella
pizzico di noce moscata 
200 g di carote pulite e tritate*
-
per la guarnizione: 
un cucchiaio di burro tenero + 250 g cream cheese + 250 g zucchero a velo + un cucchiaino di succo di limone
-o-
Accendere il forno a 200°C
Setacciare bene
farina bicarbonato lievito + speziesale in una ciotola.
A parte montare a crema:
uova + composta di mele + olio + zucchero + vaniglia.
Unire poco per volta il mix di farina e lievito
 Ora aggiungere le carote e amalgamare bene.

Suddividere l'impasto nei pirottini,infornare. 
 Dopo 8 minuti abbassare la temperatura a 180 °C e finire la cottura.
Guarnire a piacere con il  frosting e granella di arancia candita.


* asciugate bene le carote su carta assorbente dopo averle tritate perchè rilasciano un po' di liquido di vegetazione.

A presto...

lunedì 3 giugno 2013

Pane veloce veloce





Ricetta veloce veloce per post veloci...

Premetto che soprattutto da quando ho in frigo la mia pasta madre, questo non è  ufficialmente nè canonicamente il tipo di pane preferito....
ma devo ammettere ufficiosamente che mi ha salvato in corner in più occasioni, in particolare quando hai persone a cena e
 ti accorgi di aver dimenticato il pane....

Il segreto indubbiamente che gli permette di lievitare in 1,30 o al massimo due ore è un' alta percentuale di idratazione dell'impasto, motivo probabilmente per cui talvolta l'ho  sentito anche chiamare 'pane della forchetta'.
  Pur avendo una lievitazione diciamo 'forzata', il risultato finale sarà una pagnotta tipo ciabatta, ma molto soffice e comunque ben alveolata. 
- o -
In una ciotola capiente versare 500gr di farina '0' 
370 ml di acqua tiepida in cui avrete sciolto un cucchiaino di miele e mezzo cubetto di lievito di birra,
un cucchiaino di sale.

Battete velocemente con una forchetta o un cucchiaio di legno, 
fino ad ottenere un impasto omogeneo,
ma molto appiccicoso, coprite e lasciate lievitare almeno un'ora e mezza,
o fino a raddoppio, l'ideale in forno tiepidino.


Scaldate il forno a 200 °C .
Rovesciate su una spianatoia abbondantemente infarinata la pasta 
e ripiegate l'impasto con pieghe di tipo 1.
Adagiate su una placca rivestita di carta forno e lasciate riposare un'altra mezzora se avevte tempo, altrimenti infornate direttamente.
Diciamo circa 30 minuti di cottura, 
di regola il pane è cotto quando battendone il fondo , il suono è vuoto.

che mi resta da aggiungere...
saluti express...